MENU

Mario Giacomelli

0
761
0
Mario Giacomelli nasce a Senigallia (Ancona) nel 1925, è il maggiore di tre fratelli e all’età di 9 anni perde il padre. In questo periodo comincia a dipingere e a scrivere poesie. La madre trova lavoro come lavandaia presso il locale ospizio. Qualche anno più tardi (1955) Mario ritornerà in quel luogo, dove realizzerà le immagini della serie “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi”, titolo ripreso da Cesare Pavese. Avrà modo di dire in seguito che tra tutte le immagini, quelle dell’ospizio di Senigallia gli hanno procurato le più grandi emozioni. La prematura perdita del padre, costringe Mario ad iniziare presto a lavorare come garzone in una tipografia di cui diventerà in futuro proprietario. Il tempo della scuola viene sovente impegnato in tipografia, la magia della stampa lo cattura e a 13 anni decide di fare il tipografo. La “Tipografia Marchigiana” affacciata sulla piazza che, nel centro di Senigallia, celebra con un monumento Papa Mastai Ferretti (Pio IX), ha chiuso le sue serrande nel Dicembre del 1999. Il 1953 segna la svolta nella vita di Giacomelli, acquista infatti per 800 lire una macchina fotografica e il giorno di natale si reca sulla spiaggia per scattare la sua prima […]
Read More ›

Alberto Garutti

0
749
0
Alberto Garutti è nato a Galbiate (Lc) nel 1948. Vive e lavora a Milano. Dal 1989 è titolare della cattedra di pittura dell’Accademia di Brera e dal 2002 insegna presso la Facoltà di Architettura di Venezia (IUAV). Ha partecipato alla Biennale di Venezia (1990), dell’Avana (2000) e di Istanbul (2001). La sua ricerca di un dialogo aperto tra opera d’arte, spettatore e spazio pubblico, gli è valsa l’invito a realizzare lavori per città e musei di tutto il mondo. Nel 2000 ha realizzato a Bergamo, una delle sue opere più note, Ai nati oggi, che accende i lampioni di Piazza Dante ogni volta che all’ospedale locale nasce un bambino. Nel 2002, a Kanazawa, ha creato un’installazione luminosa che accompagnava la costruzione del 21st Century Museum of Contemporary Art, coinvolgendo i residenti della zona. A Bolzano, nel 2003, ha edificato nel quartiere popolare Don Bosco un Piccolo Museion, una “cabina” trasparente che accoglie le opere del museo d’arte cittadino, portandole tra la gente. Nel 2009, a Roma, Garutti è intervenuto nel cantiere del MAXXI di Zaha Hadid con un’installazione dal titolo: In una sala del nuovo museo MAXXI le luci vibreranno quando in Italia un fulmine cadrà durante i temporali. Quest’opera […]
Read More ›